Opificio delle Pietre Dure

a partire da 8,00 più i costi di servizio di 10,00* Opificio delle Pietre Dure
Prenota ora
Categoria: Biglietti dei Musei
Località: Firenze
Opificio delle Pietre Dure Opificio delle Pietre Dure Opificio delle Pietre Dure

Visita l'Opificio delle Pietre Dure senza fare la coda!

In 3 semplici passi puoi acquistare i biglietti per visitare l'Opificio delle Pietre Dure senza fare la coda.

Con pochi clicks potrai vedere l'affascinante arte del mosaico e della lavorazione delle pietre dure applicata a bellissime opere d'arte in particolare raffiguranti soggetti naturalistici e floreali.

Non perdere tempo inutile durante le tue vacanze aspettando in coda. Acquista i biglietti online con il nostro sistema facile e sicuro e ti garantirai l'accesso immediato ai capolavori di Firenze.

Puoi comprare contemporaneamente i biglietti per la maggior parte dei musei fiorentini. Non perdere il tuo tempo, affidati a noi!

Nel nostro sito puoi trovare tutte le informazioni necessarie: come funziona il sistema, la sicurezza delle transazioni o come avere maggiori informazioni sui tuoi acquisti passati o futuri.

IMPORTANTE: In caso di non disponibilità l'orario confermato potrebbe non essere necessariamente quello da voi indicato. Il museo confermerà l'orario disponibile più vicino a quello richiesto nella stessa data.

Cosa rende questo tour unico?

  • Ammira bellissime opere d'arte fatte con pietre dure
  • Ammira la sezione degli strumenti e delle tecniche utilizzate
  • Evita la fila e non sprecare il tuo tempo
  • Rimani nel museo quanto vuoi

Biglietti ridotti e gratuiti

Biglietto Ridotto:

  • cittadini dell’Unione europea di età compresa tra 18 e 25 anni (presentare documento d’identità all'ingresso)

Biglietto Gratuito (è comunque previsto il pagamento della prevendita per saltare la fila) :

  • cittadini appartenenti e non appartenenti alla Comunità Europea sotto i 18 anni (presentare documento d’identità all'ingresso)
  • Qualsiasi portatore di handicap munito del certificato di disabilità e un suo accompagnatore

Il costo del servizio ed il costo dell'eventuale mostra saranno addebitati comunque.

PRENOTA ORA !

Bookshop

Nel museo è presente un negozio all'entrata dove è possibile acquistare guide in varie lingue e oggetti ispirati ai lavori del Museo.

Guardaroba

I visitatori devono depositare in guardaroba i seguenti oggetti: ombrelli, grossi zaini, borse voluminose.

Visitatori disabili

Il museo è accessibile per le persone disabili.

PRENOTA ORA !
PRENOTA ORA !
Il Museo è situato in Via degli Alfani n°78 - Firenze.

Museo

È il museo dedicato all’antica tradizione fiorentina del mosaico (o “commesso”) in pietre dure. Furono i Medici a far rivivere nel Cinquecento l’antica tecnica, già utilizzata dagli Egizi, Greci e Romani per realizzare composizioni a mosaico utilizzando marmi e pietre semi-preziose (quarzo, calcedonio, diaspro, lapislazzulo).

Gli artigiani fiorentini, servendosi dei colori naturali delle pietre tagliate in sezioni e sapientemente accostate, creano da secoli sia favolose decorazioni architettoniche, sia preziosissimi oggetti d’arredo sacri e profani.

Storia

L’Opificio delle pietre dure fu ufficialmente fondato nel 1588 da Ferdinando I dei Medici e per più di tre secoli la parte più rilevante del lavoro svolto fu dedicata alla decorazione della Cappella dei Principi, mausoleo mediceo. Hanno diretto l’Opificio, tra gli altri, gli architetti e scultori Bernardo Buontalenti, Matteo Nigetti e Pietro Tacca.

I laboratori, in precedenza alloggiati nel Casino Mediceo e poi agli Uffizi, furono trasferiti nella sede attuale nel 1796. Il museo annesso all’istituto ha lentamente cominciato a prendere forma alla fine dell’800 quando l’attività dell’Opificio si andava trasferendo nel campo del restauro delle opere d’arte.

Nel 1995 è stato ristrutturato ed integrato da una sezione didattica dedicata alla storia del laboratorio e agli aspetti tecnici delle lavorazioni.

Collezioni

Il museo presenta un’ampia rassegna dei soggetti realizzati in mosaico fiorentino, vera e propria “pittura di pietra”: ritratti, stemmi, ornati astratti, paesaggi, storie con figure, vedute architettoniche.

Un’importante sezione è dedicata ai temi naturalistici, in particolare ai soggetti floreali, spesso in abbinamento con frutta e uccelli, che ebbero grande fortuna fra ‘600 e ‘700. Tra gli oggetti esposti figurano quadri, piani per tavoli, vasi, cofanetti, piccole sculture, cammei, stipi ed altri arredi spesso in abbinamento con l’ebano e il bronzo dorato.

Nella sezione dedicata al Laboratorio delle Pietre Dure, si trovano assieme ai banchi settecenteschi e agli strumenti da lavoro, campioni delle centinaia di pietre pregiate che costituivano la ricchissima tavolozza lapidea a disposizione dei “commettitori”.

Capolavori

  • Stemma Medici Lorena, in pietre tenere e madreperla, fine secolo XVI
  • Testa in marmo rosso di Cosimo I, di B. Buontalenti
  • Pannelli in pietre dure per l’altare della Cappella dei Principi, inizi secolo XVII
  • Stipo da tavolo, in ebano e pietre dure, manifattura di Praga
  • Acquasantiera da camera, in pietre dure e bronzo dorato, inizi secolo XVIII
  • Grande cammeo di Cosimo III, inizi secolo XVIII
  • Veduta del Pantheon, quadro a commesso di pietre dure, 1797 circa
  • Tavoli con uccelli, fiori e frutta, secolo XIX
PRENOTA ORA !
Torna su
(*) Il costo del servizio è mostrato nella pagina Carrello/Cassa dopo aver cliccato su Aggiungi al Carrello e poi su Come è calcolato.

 Potrebbe interessarti anche: