Curiosità sul David di Michelangelo

david michelangelo

Il David di Michelangelo è un capolavoro indiscusso della storia dell’arte fiorentina. Le persone vengono da tutto il mondo per ammirare, tra le altre cose, la più famosa statua marmorea di Michelangelo. A Firenze se ne possono ammirare tre di David, ma solo uno è quello originale, il David custodito dalla Galleria dell’Accademia.

Della scultura marmorea di Michelangelo sappiamo già un sacco di cose ma stavolta vogliamo raccontarvi alcune curiosità che in pochi sanno.

1. Il mondo è pieno di copie

Noi abbiamo l’originale ma ci sono copie del David in tutto il mondo, da Londra al Kentucky. Solo a Firenze ne abbiamo due, una in Piazza della Signoria e una al Piazzale Michelangelo.

2. Il David è un uomo di potere

La mano destra della statua è davvero enorme rispetto al resto del corpo. Si direbbe quasi sproporzionata, ma c’è un motivo: nel Medioevo un uomo di potere era detto “manu fortis” (forte di mano).

3. Si è rotto un braccio e anche un dito

Ebbene sì, anche lui nel corso degli anni ha avuto degli incidenti. Il più brutto è stato quello del 26 aprile 1527 quando a Firenze, mentre una folla di rivoltosi lanciava mobili ai soldati fuori da Palazzo Vecchio, una sedia colpì il braccio sinistro del David e lo spezzò in tre punti. Niente gesso per lui, ma tre chiodi di rame e tornò come nuovo.

L’ultimo incidente invece risale al 1991 quando un folle distrusse un dito del piede sinistro con un martello. Anche il dito fu poi ricostruito.

Acquista Biglietti onLine

4. Pesa quasi 6 tonnellate

Con i suoi 4,10 metri il David pesa quasi 6 tonnellate, come 80 uomini adulti. Tutto quel marmo di Carrara pesa, decisamente.

5. È considerato il simbolo di Firenze

Il David mostrava la vittoria dell’uomo virtuoso di fronte al tiranno. La città si identificò con la statua e la utilizzò come simbolo. Il che non stupisce dato il famoso carattere orgoglioso e indipendente dei fiorentini.

6. Il marmo originario era sciupato

Il gigantesco blocco di marmo di Carrara che fu usato da Michelangelo per il David era già stato malamente sbozzato una cinquantina di anni prima da un certo Agostino Duccio che lo aveva poi abbandonato. Era talmente rovinato che nessun altro scultore aveva più voluto metterci le mani. Michelangelo però non si scoraggiò e accettò la sfida di scolpirlo.

7. Le proporzioni non sono perfette

Abbiamo già detto della mano. Ma ci sono altre parti del corpo che in realtà non seguono le proporzioni canoniche. Ma non si tratta di un caso, né tantomeno di un errore. Michelangelo ha ingrandito o ridotto alcuni elementi allo scopo di sottolineare alcuni particolari e lasciarne altri in secondo piano. In questo modo il David ci appare fortemente espressivo.

8. Gli manca un muscolo

Alla maestosa statua del David, ammirata da sempre per la sua perfezione fisica, manca un muscolo. Lo hanno affermato due professori di anatomia – Massimo Gulisano e Pietro Bernabei dell’Università di Firenze – durante una conferenza. I due evidenziano un vuoto sul lato destro della schiena, tra la spina dorsale e la scapola. In realtà però non fu proprio un errore, Michelangelo ne era consapevole, secondo quanto è emerso da una lettera nella quale scriveva che, a causa di un difetto del blocco di marmo il muscolo non poteva essere riprodotto.

Acquista Biglietti onLine