I 5 migliori boutique hotel a Roma

leons place rome

Il settore dell’accoglienza oggi sta indubbiamente cambiando direzione. Ai grandi, a volte enormi, hotel di lusso, si tende a prediligere situazioni più intime e familiari, senza rinunciare comunque all'eleganza, ma dando più valore all’attenzione per i particolari e all’unicità dell’ambiente. Ecco quindi che sempre più spesso, la scelta si orienta verso i boutique hotel, strutture di dimensioni ridotte, dal carattere intimo e raccolto, magari a conduzione familiare.

Ciò che contraddistingue maggiormente un boutique hotel è il servizio del tutto personalizzato nei confronti di ogni singolo cliente, il quale trova qui soddisfatta ogni sua esigenza. Il boutique hotel si differenzia inoltre nella cura del dettaglio e nell’originalità. Si può trovare all’interno di un palazzo secolare o in una tenuta di campagna, in un castello o in un palazzo modernissimo.

A Roma di boutique hotel ce ne sono di veramente originali e unici. Vediamone dunque 5 tra i migliori, ciascuno con le proprie peculiarità e un fascino speciale che lo contraddistingue.

  • Pochi boutique hotel trasudano esclusività come Villa Laetitia. Siamo sul Lungotevere, dove il fiume bagna il quartiere Della Vittoria, proprio di fronte a Villa Borghese. Qui sorgono tutta una serie di villini la cui architettura è un misto di elementi rinascimentali e barocchi. Tra questi Villa Laetizia spicca per la sua sobria eleganza. Progettata nel 1911 dall’architetto romano Armando Brasini, è stata poi trasformata nel 2006 dalla stilista Anna Fendi Venturini. L’hotel è diventato oggi il crocevia di artisti, designer e collezionisti da tutto il mondo.
  • In un palazzo del XIX secolo, con un passato da discoteca alle spalle, si trova oggi il Leon’s Place, uno splendido boutique hotel di design situato nel centro di Roma. L’arredamento segue tutto un unico tema monocromatico che accosta bianco e nero e che sfuma nel grigio nelle camere. Un indiscutibile modello della progettualità alberghiera più contemporanea dal design raffinato e avvolgente e allo stesso tempo innovativo.
  • Via Margutta è una strada un po’ bohemien e proprio qui si trova Margutta 54. La sua storia risale al 1850 quando il bis-bisnonno del proprietario attuale vi aprì una colonia per artisti. Da quel momento in poi in queste stanze hanno vissuto artisti sempre più importanti come Picasso, Stravinsky e Fellini. Il quartiere in cui si trova è ancora oggi ricco di gallerie d'arte.
  • Un altro gioiellino della capitale è il Lord Byron, situato in una posizione privilegiata, nelle vicinanze dei Giardini di Villa Borghese, nel lussuoso quartiere Parioli. Si dice che l’Hotel Lord Byron non sia un semplice luogo in cui soggiornare, ma una vera propria esperienza indimenticabile. Arredato secondo un intrigante e sognante stile Art Déco che riprende gli splendori degli anni 30, l’hotel unisce servizi di qualità eccellente, alta gastronomia e panorami mozzafiato su Roma. Questa villa nobiliare rievoca il cuore antico della città fornendo allo stesso tempo tutte le comodità più moderne.
  • Nel cuore del centro storico di Roma, vicino a piazza Navona, troviamo infine Gigli D’Oro Suite, un boutique hotel all’interno di un caratteristico palazzo medievale del 1400, che ancora emana il sapore di un’antica residenza romana. L’intero palazzo è dedicato interamente a sole 6 suite originali di estremo lusso, curate in ogni minimo dettaglio, che accostano splendidi arredi di design a elementi medioevali accuratamente conservati, come travi a vista, portali antichi, scale e pavimenti d’epoca.