Ville Pontificie di Castel Gandolfo Visita Guidata

a partire da 31,00 più i costi di servizio di € 0*
Categoria: Tour Guidati
Località: Roma
Durata: 1 ora 30 minuti
Lingua del tour:

Visita le Ville Pontificie di Castel Gandolfo con una guida professionista!

Avete sempre sognato di poter passeggiare nei giardini del Papa? Adesso con questa incredibile visita guidata, sarete in grado di scoprire posti tenuti chiusi al pubblico per moltissimo tempo. Dal Giardino Barberini e il Giardino della Magnolia, al Viale delle Rose, il Viale delle erbe aromatiche e quello dei Ninfei, fino al Piazzale dei lecci e al Giardino Belvedere, un meraviglioso percorso che vi farà dimenticare dello scorrere del tempo e la folla e il rumore della città. Una visita rilassante, immersi nella fede e in queste meraviglie botaniche.

Con una guida ufficiale del Vaticano, potrete ammirare arte, natura, fede e storia fuse insieme.

Non perdere tempo inutile durante le tue vacanze aspettando in coda. Acquista i biglietti online con il nostro sistema facile e sicuro e ti garantirai l'accesso immediato ai capolavori di Roma.

Puoi comprare contemporaneamente i biglietti per la maggior parte dei musei romani. Non perdere il tuo tempo, affidati a noi!

Nel nostro sito puoi trovare tutte le informazioni necessarie: come funziona il sistema, la sicurezza delle transazioni o come avere maggiori informazioni sui tuoi acquisti passati o futuri.

IMPORTANTE: In caso di non disponibilità l'orario confermato potrebbe non essere necessariamente quello da voi indicato. Il museo confermerà l'orario disponibile più vicino a quello richiesto nella stessa data.

Cosa rende questo tour unico?

  • Visita con una guida professionista
  • Evita la fila e non sprecare il tuo tempo
  • Ammira le meraviglie botaniche della residenza papale

Meeting Point

15 minuti prima dell'inizio, incontrerete la guida a Castel Gandolfo (provincia di Roma) fuori dall'entrata principale della Villa Barberini.

Guida

Guida locale ufficialmente autorizzata.

Informazioni importanti

  • Il Giardino non è attualmente accessibile alle persone in sedia a rotelle o con problemi di mobilità
  • Si consiglia di indossare scarpe comode
  • Il servizio guardaroba non è al momento disponibile
  • Sono ammessi solo piccoli zaini
  • È possibile introdurre solo bottiglie di plastica
  • È possibile scattare foto solo senza flash
  • Non è possibile portare animali all'interno
  • Non si può mangiare durante la visita
  • Non si può fumare nella zona della visita
  • È proibito raccogliere fiori, piante e erbe aromatiche
  • Il sito non è dotato di parcheggio
  • L'accesso è consentito solo a persone vestite decorosamente
  • La visita guidata è confermata anche in caso di maltempo
  • I visitatori possono essere soggetti a controlli di sicurezza
  • L'itinerario di visita può subire cambiamenti per attività impreviste della Santa Sede o dello Stato della Città del Vaticano
Ville Pontificie - Giardino Barberini Strada Provinciale 71/b Via Carlo Rosselli di fronte al Piazzale Urbano VIII Castel Gandolfo (Roma)

Storia

L'attuale Villa sorge sulle rovine dell'antica residenza di campagna dell'imperatore Domiziano costruita in modo da dominare dall'alto il Mar Tirreno; era un complesso enorme che comprendeva il palazzo imperiale, le case della servitù, un teatro, il criptoportico e l'ippodromo. I successori di Domiziano non risiedettero nella Villa ma al contrario fecero demolire alcune parti dell'edificio per riutilizzare i suoi materiali in nuove costruzioni.

Intorno al 1200 su queste rovine fu costruito il castello della famiglia Genovese dei Gandolfi, da cui l'attuale nome di Castel Gandolfo e il primo Papa che decise di villeggiare qui regolarmente fu Urbano VIII nel 1626; Carlo Maderno fu incaricato da questo Papa di riadattare e ampliare l'antico castello medievale, in modo da renderlo adatto alla sua nuova funzione di Palazzo Pontificio. Nel 1628 Taddeo Barberini acquistò alcuni terreni della zona e vi costituì Villa Barberini, ultimata nel 1635 (nei suoi possedimenti sono ancora visibili i resti dell'antica Villa di Domiziano).

A partire dal 1870 ci furono lunghi periodi nei quali tutta questa proprietà fu lasciata chiusa e abbandonata dai Papi i quali erano soliti villeggiare altrove, ma negli anni l'edificio ha anche subito molti ampliamenti e restauri. Fu solo con la firma dei Patti Lateranensi (11 Febbraio 1929) che il Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo e le sue ville annesse, fu ufficialmente riconosciuto come proprietà della Santa Sede.

Furono poi realizzati dei collegamenti tra le tre ville che costituivano il complesso (Giardino del Moro, Villa Cybo e Villa Barberini) per mezzo del cavalcavia e della loggia; nel 1934 vi fu anche trasferito l'Osservatorio Astronomico dei Padri Gesuiti.

Torna su
(*) Il costo del servizio è mostrato nella pagina Carrello/Cassa dopo aver cliccato su Aggiungi al Carrello e poi su Come è calcolato.

 Potrebbe interessarti anche: