Frida Kahlo per la prima volta a Roma

autoritratto collana

Per la prima volta l’Italia dedica una mostra all’artista messicana Frida Kahlo. Le Scuderie del Quirinale di Roma ospitano infatti fino al 31 agosto 167 opere tra dipinti e disegni che ripercorrono l’intera carriera artistica della pittrice partendo dal suo rapporto con i movimenti culturali e artistici dell’epoca.

Tra i capolavori in mostra, provenienti da Messico, Europa e Stati Uniti, ci sono anche oltre 40 tra ritratti e autoritratti tra cui il famosissimo Autoritratto con collana di spine del 1940, finora mai esposto in Italia e l’Autoritratto con abito in velluto del 1926, dipinto a soli 19 anni per l’amato Alejandro Gòmez Arias. Sono esposti a Roma anche alcuni ritratti fotografici e in particolare quelli realizzati da Nickolas Muray, amante di Frida per 10 anni, tra i quali spicca Frida sulla panchina bianca, divenuto poi una famosa copertina di Vogue. Completa il progetto anche una selezione di disegni tra cui lo schizzo a matita per il dipinto Ospedale Henry Ford e il famoso corsetto che teneva Frida prigioniera dopo l’incidente.

Acquista Biglietti onLine

Musei Vaticani

Musei Vaticani

a partire da 16,00
PRENOTA ORA !

Il tema principale della mostra è l’autorappresentazione di Frida attraverso i linguaggi delle varie epoche, che ci restituisce l’importante significato che l’artista ha avuto nella trasmissione di valori psicologici, culturali e iconografici. I suoi dipinti infatti sono non solo lo specchio della sua vicenda biografica, segnata dall’incidente in cui fu coinvolta a 17 anni che cambiò drasticamente la sua vita, ma anche quello delle trasformazioni sociali e culturali che avevano portato alla Rivoluzione e che vi seguirono.

Frida Kahlo interpretò il passato indigeno e le tradizioni folkloriche della sua cultura fondendo l’espressione di sé con l’immaginario e i colori della cultura popolare messicana. Lo studio della sua opera permette dunque di capire l’intreccio dei movimenti culturali che attraversarono il Messico in quel periodo: dal Pauperismo rivoluzionario all’Estridentismo, dal Surrealismo al Realismo magico.

Accanto ai lavori di Frida Kahlo sono esposti anche quelli di altri artisti attivi in quel periodo e che hanno vissuto vicino a Frida, sia artisticamente che fisicamente, primo fra tutti il marito Diego Rivera, ma anche José Clemente Orozco, José David Alfaro Siqueiros, Maria Izquierdo e altri.

Il mito che si è formato intorno al personaggio di Frida Kahlo è di dimensione globale, ed è chiaro anche il perché. Icona indiscussa della cultura messicana del Novecento, anticipatrice del movimento femminista e anche seducente soggetto del cinema hollywoodiano, l’artista offre indiscutibilmente enormi spunti e motivi di fascinazione.

Acquista Biglietti onLine

Musei Vaticani

Musei Vaticani

a partire da 16,00
PRENOTA ORA !